Torre Pallavicina mostra artista Serj

Torre Pallavicina: prorogata fino al 17 agosto la mostra dell’artista Serj

Arti Visive Pittura

N. Visite Pagina: 22

È stata prorogata fino al 17 agosto 2022 la mostra personale dell’artista Serj, dal titolo Pochi Riti Utili Salvano, curata da Roberto Lacarbonara presso Palazzo Oldofredi Tadini Botti a Torre Pallavicina (BG).

Con una serie di ambienti installativi inediti, concepiti in stretta relazione con l’architettura e gli affreschi del palazzo quattrocentesco e della coeva Chiesa di San Rocco, Serj definisce una struttura simbolico-rituale in grado di tradurre lo spazio fisico concreto in un sistema complesso, empirico e immersivo.
A partire dall’indagine sulla storia e sulla funzione dell’edificio, progettato come punto strategico fortificato a ridosso dell’Oglio, linea di confine con la Serenissima e teatro di innumerevoli scontri per la definizione dei confini territoriali in epoca sforzesca, e lungamente utilizzato per le feste bucoliche e le battute di caccia, Serj ripensa l’esplorazione del luogo come sviluppo di una strategia di occupazione – militare? venatoria? – che vede l’osservatore muoversi tra le sale in un percorso di progressiva presa di controllo e conoscenza.
Partendo da una grande scultura in cera nera di fonderia, distesa a pavimento a circoscrivere un territorio delimitato, visibile dall’alto nei suoi frazionamenti che obbligano ad un percorso periferico e costrittivo, l’azione nel paesaggio si compie passando alle sale successive, dove le grottesche e il ciclo pittorico di ispirazione raffaellesca, dedicato al mito di Apuleio su Amore e Psiche, si alterna agli affreschi di paesaggi e insediamenti militari concepiti per orientarsi nel territorio. Qui Serj appone un segno, un grande scettro-vessillo, prezioso e sinistro nella sua imponenza, agìto attraverso una performance evocativa che vediamo immortalata nello scatto fotografico di uno sbandieramento da parte dell’artista. Questa azione, intesa come rievocazione e potenziamento simbolico del rito, produce il successivo salto evolutivo nello spazio, l’accesso ad una struttura iperbolica, attraversabile, connotata dalle sue volute plastiche che piegano lo spazio cartesiano in spazio quadridimensionale.
È solo superando lo spazio chiuso del palazzo e accedendo all’ampio loggiato e al parco circostante, che si compie il passaggio dall’astrazione di un modello ideale ad un sistema aperto, empirico, “generativo” nelle parole dell’artista, mentre a pochi passi, nella chiesa sconsacrata di San Rocco, che un tempo raccordava i percorsi dei fedeli e dei cacciatori, una audio-istallazione ripete all’infinito la formula della salvezza, della vittoria o della speranza: “Pochi Riti Utili Salvano”.
La mostra, realizzata con il patrocinio del Comune di Torre Pallavicina e il contributo di Cava di Barco, Farcoderma, Metal Carp, B&B Srl e Lavinia Immobiliare, è visitabile fino al 17 agosto 2022 su appuntamento. Ingresso gratuito. L’esposizione è accompagnata da un catalogo edito da Compagnia della Stampa (Roccafranca, BS), con le immagini della mostra e i testi dell’artista e del curatore. Per informazioni e prenotazioni: T. +393395629715, antoniomarchetti64@gmail.com.

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.