LECCE E LE SUE QUATTRO PORTE

Viaggi Culturali

N. Visite Pagina: 236

LECCE E LE SUE QUATTRO PORTE

 di Giovanni Maria Scupola

“Ho cominciato a frequentare Lecce poco alla volta, mi portavano in giro a vedere dei posti, conoscevo le persone e così ho finito per innamorarmi dei leccesi e della città”.

Come dare torto, d’altronde, al regista turco Ferzan Ozpetek quando elogia la nostra Firenze del Sud?

Capoluogo dell’omonima provincia e fulcro culturale del Salento, Lecce, è tra le più belle ed ammalianti città d’arte del Meridione.

Le sue antiche origini messapiche ed i resti archeologici di epoca romana si fondono con lo sfarzo del Barocco, tipicamente seicentesco, delle chiese e dei palazzi del centro storico.

La città contava quattro porte lungo le mura urbiche volute da Carlo V per fortificare la città e proteggerla dalle scorribande turche.

A sud-ovest di Lecce sorge una delle quattro porte anticamente usate per entrare ed uscire dalla città: Porta Rudiae.

La Porta, così chiamata, portava all’antica città messapica di Rudiae nota per aver dato i natali a Quinto Ennio, celebre scrittore latino.

L’impianto appare come un classico arco trionfale. Al centro vi è il grande arco d’accesso, mentre per ogni lato due colonne con capitelli sorreggono i busti dei quattro mitici fondatori della città: Euippa, Malennio, Dauno ed Idomeneo.

Ai suoi lati altre due statue di santi sono posti più in basso, a sinistra San Domenico e a destra Sant’Irene.
Porta Napoli, invece, fu per molti secoli la porta di rappresentanza della città e venne così chiamata poiché da lì partiva la strada che portava al Regno di Napoli.

La sua costruzione risale al 1548 in onore dell’ex imperatore Carlo V d’ Asburgo.

I disegni della Porta sono attribuiti al barone Gian Giacomo dell’Acaya, ingegnere specializzato in opere di fortificazione militare.

Anche in questo caso l’aspetto ricorda un arco trionfale ma, a differenza di Porta Rudiae, Porta Napoli è costituita da un disegno più lineare e geometrico.

La Porta di San Biagio, costruita nel 1774, è conosciuta, invece, per essere stata da sempre il collegamento verso il Parco della Torre nel quale i leccesi andavano a passeggio ed è dedicata al vescovo della città di Sebaste in Armenia nel IV secolo.

E’ caratterizzata da quattro colonne doriche lisce, dallo stemma della famiglia dei Borboni e dal simbolo della città.
Venne purtroppo demolita nel 1800 la Porta di San Martino.

La Porta in questione e di cui esiste solo qualche antichissima riproduzione, si trovava al termine di via Matteotti, meglio nota come la strada che collegava Lecce alla marina di San Cataldo.

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.