Monia Pin

La poetessa Monia Pin si presenta ai lettori

Incontri Artistici Poesia

N. Visite Pagina: 45

La poetessa Monia Pin si presenta ai lettori

Poesie di Monia Pin

mi chiamo Monia e vivo in Veneto, a Godega di Sant’Urbano (TV). Ho ripreso a scrivere da qualche tempo, riscoprendo in me la passione per la poesia e trovando l’ispirazione principalmente nella natura come tramite per riscoprire e dare voce a quella scintilla di divino che vive in noi e nel Creato.

Ho pubblicato una prima raccolta di poesie a dicembre com 2015 dal titolo “Quando vedrai l’aurora”, una seconda nel 2017 dal titolo “Armoniosi silenzi” e l’ultima a Luglio 2019 “Gocce d’infinito”. Pubblico mensilmente su un giornale del Triveneto, Il Piave e gestisco una pagina Facebook ed un blog di poesia.

Ho avuto dei riconoscimenti nei concorsi nazionali ed internazionali, sia citazioni di merito che due terzi posti a Premi Nazionali.

Profondità

A volte la sentì
quell’ inquietudine
che ti stringe il cuore,
quella disperazione che si incarna
in lacrime nascoste
tra sorrisi macchiati di tristezza.

E ce la metti tutta,
ascolti il vento
parli al fiume
accarezzi l’erba
annusi un fiore,
sfiori quella follia che ti rende unica
ma purtroppo sola
sempre più distante
dal mondo
sempre più vicina
alla profondità dell’anima.

L’hai visto l’abisso,
sei riemersa e poi
quando credevi d’esser salva
sei sprofondata
in un mare di dolore,
e hai seguito la corrente
e hai puntato verso la luce.

Hai provato a spiegare
ma lo sai
non tutti sanno leggere
i versi della stessa poesia,
sei arrivata anche
a perdonarti per aver creduto
di essere in errore,
ma no avevi compreso bene
e nulla in te era sbagliato.

 

Sei caduta ed allora?
Rialzarti è difficile lo so,
altre salite , altri ostacoli
altre sconfitte prima di trionfare
ma sappi che tutto questo
non accade per caso,
tu sei più forte e lo sai
e anche se credi d’esser sola
non lo sei,
un angelo ti assiste,
una presenza ti
accompagna
ne sentirai i passi accanto ai tuoi
quando il silenzio sarà
più eloquente di ogni parola.

Rinascerai vedrai,
magari con qualche livido
ancora fresco nel cuore,
con qualche ferita
non ancora rimarginata
ma respirerai quell’aria fresca
che ti annuncia un nuovo mattino
solo perché
tu hai sempre dato
priorità a quel sentire così intenso
senza curarti delle conseguenze,
ed è il tuo talento
quella dote di sensibilità
che ti ha distinto
oltremodo
dall’indifferenza della folla.

 Fugge ogni pensiero

Forte il tumulto
del cuore che ama
ma al pari di un batter d’ali
scompiglia il cielo
di un’insolita magia.

Fugge ogni pensiero
che non sia d’amore,
ogni paura muore
in un sorriso che fa
dell’istante un sogno.

Nell’anima risuona l’eco
di quei passi che fecero
di un incontro il destino,
nel cuore vive la voce
di sguardi che mutarono
emozioni in sillabe
tra i silenzi di un bacio.

 

Raccontami …

Raccontami 
quel che sa fare il giorno,
appena ogni gemito di stella
fa fremere mille petali di vita,
quando i viottoli ombrosi
sono un intercalare di luce,
mentre la campagna mima
una strofa rimasta
sul crinale dell’orizzonte.

Dimmi
quel che la notte ha taciuto,
mormora il segreto
che il vento ti confida in fretta,
lascia che io intenda 
nel tuo fine preludio
l’audace sinfonia
di sottili cenni di speranza.

All’alba permettimi 
poesia
d’accostarmi un poco al cielo,
sicché non dimentichi
la visione d’oriente
che precede il mattino.

 

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.