Magna Grecia

Il caso della Magna Grecia

Arti Visive

N. Visite Pagina: 38

“L’uso dell’arte per ridefinire il valore dell’ideale umanitario: il caso della Magna Grecia”

di Sofia  Skleida

Il grande drammaturgo inglese William Shakespeare disse: “Lo scopo dell’arte è dare forma alla vita”. La Magna Grecia è il magnifico esempio in cui l’arte è stata in grado, non solo di dare forma e sostanza alla propria vita, ma possiamo dire che è stata la forza trainante e miracolosa, la forza che ha portato le comunità elleniche in Italia ad eccellere e conservare gli elementi fondamentali e inestimabili della loro cultura: la lingua, la religione, i valori tradizionali, l’ identità nazionale, lo spirito umanistico.

Secondo il grande filosofo, Emil Sioran,  “Se la patria di ogni persona è la sua lingua, allora nella vicina Italia c’è un piccolo numero di persone la cui patria è la lingua greca”. Sappiamo che oggi queste persone si dividono in due aree geografiche, il Salento della Puglia e la Calabria. Se andiamo oltre le teorie antropologiche e linguistiche che contestano la loro origine e l’idioma greco, il grico, che è parlato in queste zone fino ad oggi, troveremo una verità evidente: che provengano dalle colonie greche dell’antichità o dalle colonie dell’epoca bizantina, queste persone parlano da più di mille, forse tremila anni, la lingua greca.

La tradizione è l’arca che ha conservato la cultura bizantina e il meglio della cultura della Magna Grecia ai pochi abitanti primitivi della Bassa Italia. Un gran numero di usi e costumi, diversi da quelli religiosi, seguono l’uomo nel ciclo della vita, dalla nascita alla morte. Sono questi usi e costumi che lo rendono diverso dagli abitanti del resto d’Italia.

È un dato di fatto che molti popoli stranieri sono passati per il sud italiano, ma nessuno è stato in grado di assimilarli, sottrarli alle loro abitudini o imporne altri propri, perché semplicemente loro stessi sono rimasti fedeli ai propri e hanno ignorato  altri costume e usanze. Poiché queste persone, in entrambe le aree, erano orgogliose della loro origine, sapevano cosa volevano e cosa erano esattamente.

Nel caso dei Greci della Bassa Italia, il folklore colma le lacune della storia, aiutandoci a capire meglio queste persone che, orgogliose della loro origine, ammettono oggi: “abbiamo lo stesso sangue e parliamo la stessa lingua”.

Nel ricco materiale folcloristico, che presenta  questo popolo con un  ricco patrimonio culturale e artistico, il culto popolare è l’elemento essenziale del materiale non scritto che unisce il passato di questo popolo con la Grecia, da dove è partito  secoli fa, portando con sé valori morali indistruttibili.

In questo materiale tradizionale, tramandato di generazione in generazione ai pochi discendenti delle prime colonie della Magna  Grecia e di Bisanzio, fondano la loro autonomia insieme alla loro cultura umanistica.

Τoponimi, canti, proverbi, usi e costumi, arte popolare di ogni genere, dialetto, si  intrecciano con questi ricordi e creano il tessuto colorato della cultura popolare, che è il residuo di un’altra, molto più grande, come testimoniano i propri documenti orali. È una piccola Grecia nell’ ambito di un’ altra Grande. I greci della Bassa Italia, facendo sempre affidamento sul potere del loro patrimonio folcloristico, trovarono un modo per difendersi sostenendo un’identità che non poteva essere inghiottita dall’avidità dei loro nemici.

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.