Marco Rambaldi

Bologna: martedì 12 aprile seminario di moda e politica con Marco Rambaldi

Arti Visive Cultura Design Eventi Fashion Moda Notizie Uncategorized

N. Visite Pagina: 27

Marco Rambaldi
Marco Rambaldi. Credits Letizia Toscano

Martedì 12 aprile, dalle ore 15.00 alle ore 18.00, l’Aula Magna dell’Accademia di Belle Arti di Bologna ospita il seminario Moda e politica con ospite Marco Rambaldi, tra i giovani designer più promettenti del momento, per la sua visione innovativa della moda come messaggio universale e inclusivo, in grado di raccogliere l’eredità del passato per essere strumento di espressione delle nuove generazioni. Il seminario, a cura di Elisabetta Zanelli e organizzato dal biennio di Fashion Design dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, è aperto al pubblico su prenotazione e si inserisce all’interno di un progetto più ampio dal titolo Moda e Politica, moda sostenibile e moda solidale.

Il brand Marco Rambaldi nasce nel 2017 a Bologna, città che lo ispira ad aprire una riflessione importante su temi quali inclusività, upcycling e gender bender. Nell’era della produzione di massa dove la quantità vince sulla qualità, la missione del brand è quella di trovare l’eccellenza nei materiali lavorati dalle mani sapienti dei laboratori artigianali italiani e condividerla con il mondo. Nella visione creativa di Rambaldi si fronteggiano il mondo della borghesia italiana degli anni Settanta nei suoi codici espressivi quotidiani, ripetitivi, reazionari e un’estetica radicalmente giovane, emotiva, trasversale, nuova. Due generazioni eternamente in scontro e confronto che collidono nei loro precetti primari di conservazione e di eversione in una narrativa di sintesi degli opposti.
L’elemento del cuore iconico del brand viene declinato nella maglieria sia nei classici jacquard arcobaleno che nel punto pizzo con filo mohair, rendendo trasparenti i top e gli abiti lunghi. I capi all’uncinetto oltre che essere unici, sono sostenibili e sono creati assemblando centrini antichi già esistenti con forme e nuovi centrini fatti dai nostri artigiani. Esprimono e convertono una memoria del passato in una visione futura di donna forte femminile e femminista.
Il Made in Italy non è usato solamente come sinonimo di qualità, ma finalmente riletto nel suo contesto culturale, perché solo attraverso il recupero di ciò che ci appartiene riusciremo a capire da dove veniamo e qual è il mondo che vogliamo costruire.
Il seminario è aperto a tutti fino ad esaurimento posti. Al pubblico esterno all’Accademia è richiesta la prenotazione con una mail all’indirizzo elisabetta.zanelli@ababo.it.
Per accedere all’evento è obbligatorio essere in possesso di green pass e indossare una mascherina ffp2.

INFORMAZIONI
Accademia di Belle Arti di Bologna, Aula Magna
Via delle Belle Arti, 54, Bologna
www.ababo.it

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.