Ar Giuseppe

Artisti Indimenticabili: Ar Giuseppe

Incontri Artistici

N. Visite Pagina: 72

Artisti Indimenticabili: Ar Giuseppe


di Antonio Benvenuto

Ar GiuseppeAR GIUSEPPE, nato a Lucera (Foggia) nel 1898. Pervenuto alla pittura in autoformazione[1].

La sua arte rispecchia il carattere docile, e romantico e poetico come si evince dal suo utilizzo dei colori delicati con tenui passaggi cromatici.

I suoi soggetti preferiti sono i paesaggi, nature morte, le figure femminili, gli aspetti della tradizione paesana, come, mercati e fiere ecc.

Ha partecipato a diverse mostre nazionali, ed ha realizzato diverse personali ottenendo favorevole critica. Pregevole risulta l’opera: “Focolare spento”.

Giuseppe Ar nasce a Lucera da una famiglia di umili origini e si avvia in modo autodidattico agli studi della pittura, dove mostra un ricco talento artistico intuitivo.

Semplice e taciturno, dal carattere mite, nei suoi primi quadri emergono toni delicati e poetici, un’anima sensibile ed una personalità di artista provinciale incerta.

A Roma dal 1925 al 1928, raggiunge una maturità e trova la sua vena artistica che le è congeniale con l’approfondimento dello studio del disegno e della prospettiva sotto il maestro Antonio Mancini.

Le sue opere denotano questa sua svolta ed ecco, arrivano i primi successi e le prime mostre: la sua prima personale romana è visitata anche dal re Vittorio Emanuele III.

Nel 1931 espone alla I Quadriennale nazionale d’arte di Roma.

Non è fatto per la vita metropolitana e per questo preferisce rientrare nella quiete della sua Lucera, dove svolge attività didattica come insegnante di disegno, per oltre un ventennio.

La malinconia lo coinvolge e gli manca la sua arte, trova l’ispirazione e realizza le sue tele con aspetti di vita solitaria e quotidiana.

Nella maturità Ar acquista consapevolezza delle sue possibilità e acquista una tranquillità d’animo, per cui ponendosi di fronte alle figure le ritrae senza il velo della tristezza e della timidezza di una volta, dove l’elemento della luce non è più offuscato ma gioioso.

La sua è un’arte ove comincia a far prevalere la sua sagacia cromatica alla ribalta internazionale, riscuotendo i lusinghieri successi di critica che gli spettavano per la sua intensa pittura [2].

Il pittore muore a Napoli nel 1956, ma è sepolto nel cimitero di Lucera, in un’artistica struttura monumentale.

 [1] AA. VV., Enciclopedia Universale, SEDA DELL’ARTE MODERNA, Ed.IDAS, p. 117, Milano 1969.

[2] Renzo FantiPoesia delle umili cose nella pittura di Giuseppe Ar, in «La Gazzetta delle  Arti»,  13   luglio 1947.

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.