"Assoluto Naturale" di Flavio Paolucci e Giovanni Frangi

A Verona l'”Assoluto naturale” di Flavio Paolucci e Giovanni Frangi

Arti Visive Cultura Eventi Notizie Pittura Uncategorized

N. Visite Pagina: 9

"Assoluto Naturale" di Flavio Paolucci e Giovanni Frangi

Ultime settimane per visitare “Assoluto naturale”, mostra bi-personale degli artisti Flavio Paolucci e Giovanni Frangi, in dialogo sulla valenza simbolica degli elementi naturali, allestita fino al 20 novembre 2021 presso la sede di Kromya Art Gallery a Verona (Via Oberdan, 11c).

Un percorso immersivo in cui le sculture in bronzo, tipiche del linguaggio dell’artista ticinese Flavio Paolucci, si fondono con i dipinti astratti dell’artista milanese Giovanni Frangi, in un confronto che pone l’accento sul rapporto uomo/natura e sull’impatto dell’attività umana sull’ambiente.
«Il lavoro di Paolucci – spiega la storica dell’arte Chiara Gubbiotti -, in particolar modo quello scultoreo, trae origine direttamente da materiali raccolti nei boschi che, attraverso l’intervento dell’artista, trovano nuova vita in una dimensione universale, quasi sacrale, del rapporto uomo/natura. Ciò appare evidente in opere quali “La forza della natura” (2020) e “L’uomo protetto dalla natura” (2020) in cui l’elemento archetipico della casa fonde, in maniera organica, l’aspetto cromatico della sfera naturale alla struttura tipicamente artificiale costruita dall’uomo. Similmente, la natura assume una connotazione astratta, interpretativa e onirica nel lavoro di Frangi, permettendo l’immersione dello spettatore in una realtà pittorica ricreata dall’artista partendo da una matrice naturale reale, poi trasformata: esplicative, in tale senso, appaiono le imponenti tele di “Piedicavallo” (2021), dove con suggestivo minimalismo l’artista declina in chiave archetipica gli elementi naturali che si ritrovano negli alvei dei fiumi montani».
Le opere di Flavio Paolucci (Torre, 1934) rappresentano gli oltre sessant’anni di carriera e di riflessione di un’artista da sempre fortemente legato alla natura e alle sue peculiarità. Composizioni caratterizzate da una ricerca sottile di equilibro e semplicità visiva diventano veicolo di tematiche primordiali, quali la ciclicità, la caducità dell’esistenza e la rinascita, in un gioco di equilibrio delle parti con il tutto. Nella sua ricerca, l’attenzione al mondo vegetale si concretizza nell’uso di materiali grezzi, privi di vita – quali rami, sassi e foglie – che fusi con elementi in bronzo, vetro, legno o carta, tornano a ricoprire un ruolo vitale e pulsante, decontestualizzati dalla loro origine, per essere collocati in un ambiente a forte valenza simbolica. Ciò che la natura madre e matrigna plasma per via naturale, l’artista rielabora in chiave mistico-allegorica, fermandolo per sempre nella fissità di un linguaggio destinato a perdurare ai cicli di nascita e morte da cui provengono: una connotazione allegorica vigorosamente espressa sia ne “L’occhio verde” (2007), sia nelle sculture bronzee “Dal Paradiso terrestre” (2020) e “Le ultime foglie” (2014).
L’accezione ciclica del tema naturale diviene elemento centrale e fondante anche nell’opera di Giovanni Frangi (Milano, 1959): per l’artista è necessario indagare la ripetizione, in maniera spesso ossessiva, che si ripresenta nell’avvicendarsi delle stagioni, al contempo uguale e mutata. Partendo da un’immagine fotografica scattata personalmente, Frangi fonde in un unicum la verosimiglianza dell’immagine all’inverosimile della tecnica: un campo d’azione circoscritto e infinito, come la forza naturale da cui prende spunto. Di tale ricerca poetica, esemplari risultano le opere “Balma 1” (2021) e “Valdobbia 1” (2021), dove il soggetto riprodotto – l’alveo di un fiume e gli elementi che lo compongono – si svelano quali simboli del lento e costante mutare dell’esistenza: come sassi di fiume, levigati dall’acqua, si prende coscienza dei propri mutamenti nello scorrere del tempo.
La natura assume così i contorni di un elemento totalizzante, declinato su superfici e materiali differenti che tendono, tutti, ad una riflessione comune: la serialità come variazione, automatismo e sperimentazione.
La sede veronese di Kromya Art Gallery è aperta al pubblico da martedì a sabato con orario 10.00-12.30 e 16.00-19.30.

INFORMAZIONI
T. +390459788842
riccardo@kromyartgallery.com
info@kromyartgallery.com
www.kromyartgallery.com
www.instagram.com/kromya_art_gallery
www.facebook.com/Kromyartgallery

FavoriteLoadingAggiungi ai preferiti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.